domenica 24 luglio 2016

Tanta azione ma poca roba. Quantum of Solace di Marc Forster

Quantum of Solace

Regia
Marc Forster
007 - Visione cinematografica
Trailer


Genere
Spionaggio, azione

Anno
2008

Cast
Daniel Craig (James Bond); Olga Kurylenko (Camille Montes); Mathieu Amalric (Dominic Greene); Judi Dench (M); Jeffrey Wright (Felix Leiter); Jesper Christensen (Mr. White); Gemma Arterton (Agente Fields); Joaquín Cosio (Generale Medrano); Giancarlo Giannini (René Mathis); Anatole Taubman (Elvis); Rory Kinnear (Bill Tanner); Jesùs Ochoa (Tenente Orso); Lucrezia Lante della Rovere (Gemma); Glenn Foster (Mitchell); Stana Katic (Corrine); Paul Ritter (Guy Haines); Neil Jackson (Mr. Slate); Simon Kassianides (Yusef); Sarah Hadland (receptionist); Oona Chaplin (receptionist).

Storia
L'agente 007 James Bond è occupato a scappare con la sua Aston Martin da alcuni uomini che vogliono liberare Mr.White, legato nel bagagliaio dell'auto di Bond. Giunto a destinazione, l'agente segreto porta il prigioniero da M che lo interroga per estorcergli informazioni su Quantum, un'organizzazione terroristica che agisce all'insaputa dell'agenzia di spionaggio della Gran Bretagna. Un uomo infiltrato però inizia a sparare contro M e Bond, ma quest'ultimo abilmente si mette in salvo uccidendo White. 007 vuole andare fino in fondo a questa storia e si arrenderà solo quando ne verrà a capo.

Recensione
Puro intrattenimento dedito all'azione. Quantum of Solace ha una sceneggiatura appena intrigante e piuttosto contorta. In questo caso la chiarezza è fondamentale e qui manca. Il ricorso ai sotterfugi vanno a scapito dei contenuti che sono espressi in maniera sfuggente. La regia è troppo veloce e i rapidissimi cambi d'immagine creano caos e disordine, rendendo le dinamiche incomprensibili. Con questo film, Marc Forster conferma la sua attitudine per i generi drammatici, trovandosi in difficoltà a dirigere gli action movies. La colonna sonora è orientata al ritmo e alla modernità cospargendo la pellicola di quella spettacolarità votata all'aspetto commerciale e poco incline alla qualità che dovrebbe derivare dalla sinergia tra regia e script.
Di Forster consiglio tre opere cinematografiche che riporto in ordine di gradevolezza: Neverland: Un sogno per la vita (2004); Monster's Ball (2001); Il cacciatore di aquiloni (2007).

Regia
6
Sceneggiatura
5
Fotografia
7
Colonna sonora
6
Voto
6