venerdì 1 aprile 2016

Una pellicola effervescente e brillante: Don Jon

Don Jon - Recensione

Regia
Joseph Gordon-Levitt
Trailer

Genere
Commedia

Anno
2013

Cast
Joseph Gordon-Levitt (Jon -Don Jon’ - Martello Jr.); Scarlett Johansson (Barbara Sugarman); Julianne Moore (Esther); Rob Brown (Bobby); Tony Danza (Jon Martello Sr.); Glenne Headly (Angela Martello); Brie Larson (Monica Martello); Jeremy Luke (Danny); Italia Ricci (Gina); Lindsey Broad (Lauren); Amanda Perez (Lisa); Sarah Dumont (Sequins); Loanne Bishop (mamma di Barbara); Anne Hathaway (attrice del film romantico); Channing Tatum (attore del film romantico). 

Storia
Il debutto alla regia per Joseph Gordon-Levitt è sorprendente. Jon è un ragazzo italo-americano a cui piace la propria routine.
Ha le sue abitudini quotidiane e fa tutto ciò che gli piace: serata con gli amici, mantenere in ordine il suo appartamento, stare in famiglia, andare in chiesa e fare palestra. Tra tutte queste passioni, però, ce n’è una in particolare che gli dà un benessere estremo: i film porno. Per lui sono un appagamento immenso di cui non riesce a farne a meno, anche più del sesso reale.
Recensione
Una regia estrosa ed effervescente conferiscono al film originalità e brillantezza. Joseph Gordon-Levitt è perfetto per il ruolo. Il montaggio è dinamico e agile. La colonna sonora centra in pieno l’obiettivo donando verve e spigliatezza. Don Jon è scritto bene. La sceneggiatura non mostra difetti per un’ora circa. Negli ultimi venti minuti infatti la pellicola perde il suo fascino lambendo la stucchevolezza e concludendo con una morale banale e priva dell’originalità che ha dominato per quasi tutto il film. La fotografia mostra qualche imperfezione nelle parti più scure, per il resto è realizzata bene.
Regia
9
Sceneggiatura 7,5
Fotografia 7
Colonna sonora 8,5
  Voto
8